TECNOLOGIA

 

La prestazione del pneumatico varia secondo i materiali utilizzati ed il processo di produzione; Abbiamo cercato di esprimere alcuni concetti che aiutano ad identificare i prodotti di maggiore qualita’.         

 

                                                                                                                

 TUBOLARE ARTIGIANALE CHALLENGE “FATTO A MANO”:

 

 

I tubolari e i tubolari aperti artigianali Challenge sono prodotti pregiati. Le macchine non possono fabbricarli e le operazioni manuali di precisione, necessarie ad ottenere lo standard di qualita’ richiesto al prodotto, sono molte.

 

 La carcassa viene realizzata con i materiali più tecnici, a base di cotone o poliestere. Il Corespun, ad esempio, e’ un filato dal quale si ottiene una tela morbida, resistente e con pesi molto contenuti. Le carcasse contano un numero elevato di fili, nella trama del tessuto,  che possono raggiungere e superare i 300 TPI. Il tubolare artigianale Challenge non subisce il trattamento di vulcanizzazione. L’assenza di vulcanizzazione mantiene una morbidezza della carcassa unica ed ineguagliabile.

 

Il battistrada viene lentamente  incollato a mano sulla carcassa gonfia, cosi’ facendo, il battistrada rimane rilassato sulla carcassa e non subisce stiramenti nel gonfiaggio. Il risultato è un ottimale abbassamento della resistenza al rotolamento, confort maggiore, precisione di guida e reattività, una durata maggiore. I tubolari artigianali sono ben noti a tutti i professionisti ed e’ questo il tipo di pneumatico di gran lunga preferito per le lunghe corse a tappe.

 

Gli pneumatici Challenge utilizzano materiali che garantiscono sempre la massima aderenza in curva, grazie all’assorbimento delle asperita’ del terreno che impedisce saltellamento, vibrazioni e la conseguente perdita di contatto della ruota al suolo. Una speciale banda di rinforzo posizionata tra la mescola del battistrada e la carcassa garantisce una ulteriore protezione contro le forature, e’ la tecnologia “PPS” (Puncture Protection Strip).

 

Confort significa riduzione delle vibrazioni dannose. I polsi e per il collo, esposti alle prolungate sollecitazioni di pneumatici troppo rigidi che trasferiscono tutte le irregolarita’ del terreno senza un adeguato assorbimento, possono infiammarsi.

Se non avete mai provato un prodotto “fatto a mano” entrate in un negozio e chiedete al rivenditore di farvene vedere uno. Toccatelo e sentite la morbidezza dei fianchi e guardate come è fatto. Noterete subito la differenza.

 

 TUBOLARE APERTO ARTIGIANALE CHALLENGE “FATTO A MANO”: 

 

 

I tubolari “aperti” Challenge, identici nella costruzione a copertoncini, utilizzano lo stesso battistrada e la stessa carcassa del tubolare che, invece di essere cucita, viene ripiegata intorno ad un supporto in Kevlar o fibra di vetro, per formare la struttura dei talloni del pneumatico che agganciano la flangia della ruota.

 

Il tubolare aperto beneficia anche degli gli stessi processi produttivi e degli stessi materiali utilizzati per la produzione del tubolare. Per questo il tubolare aperto Challenge si avvicina molto alle prestazioni del tubolare, specialmente se viene utilizzata la morbida camera d’aria in lattice.

 

 

Il montaggio e’ del tutto analogo a quello di un qualsiasi copertoncino, per cui con il tubolare aperto il ciclista potra’ beneficiare di un eccellente compromesso tra la semplicita’ di utilizzo di un copertoncino e le qualita’ prestazionali di un tubolare.

 

 

CAMERE D’ARIA:

 

Camere d’aria in lattice: presenti in quasi tutti i tubolari di alta gamma, offrono una resistenza al rotolamento minore grazie alla loro natura. Leggere, sottili e molto più flessibili rispetto al butile. Piu’ resistenti alle forature. Nel tubolare aperto l’utilizzo della camera in lattice migliora la scorrevolezza, il confort e diminuisce il rischio di forature. Il lattice è un materiale poroso quindi la pressione di gonfiaggio tende a calare, la pressione del pneumatico deve essere controllata tutti i giorni.

 

Camere d’aria in butile: Una camera d’aria in butile ha un peso di circa 90-100 grammi. Più è morbida e migliore è il prodotto. Prestate attenzione alla misura, che deve essere uguale a quella della copertura usata. I vantaggi principali rispetto alle camere d’aria in lattice sono la migliore tenuta della pressione ed un  prezzo piu’ accessibile.

 

 

DIMENSIONE  ED  "IMPRONTA A TERRA" DEL PNEUMATICO

 

Un pneumatico di sezione stretta non e’ necessariamente piu’ veloce. La forma nel contatto con la strada (la cosiddetta “impronta a terra”) per un 21.5 mm o 22 mm sarà una sezione di forma quadrata; La forma per un 20 mm sara’ si leggermente piu’ stretta ma anche piu’ lunga, quindi rettangolare, con l’ area di contatto al suolo del tutto analoga.

 

Un pneumatico più largo garantirà tuttavia maggiore stabilità; Sezioni più strette sono più aerodinamiche e più adatte per le cronometro e le gare su pista, ma le differenze di prestazioni sono veramente minime. Il fattore confort per un professionista è importante ed egli sceglierà sempre i suoi pneumatici per la gara facendo attenzione anche a questo aspetto fondamentale.

 

 

 PRESSIONE DI UTILIZZO (bar / psi)

 

La maggior parte dei tubolari industriali devono raggiungere pressioni vicine ai 12 bar per ottenere un valore accettabile di resistenza al rotolamento. Pressioni così alte non sono indicate. Il tubolare diventa rigido, rimbalza anziché assorbire le asperità del terreno, perde quindi di aderenza, la guidabilità e la sensazione di sicurezza diminuiscono ed il rischio di forature e di cadute aumenta.

 

I tubolari artigianali Challenge “fatti a mano” richiedono pressioni di utilizzo che vanno da 7,5 a 9 Bar. A queste pressioni il tubolare o tubolare aperto rende al massimo, perché la giusta pressione permette alla carcassa di essere flessibile. Una gomma di qualità non necessita di pressioni alte.

 

 

 

IN CONCLUSIONE

 

Qualsiasi prodotto deciderai di utilizzare sulla tua bicicletta, acquista un articolo di cui conosci la qualita’, che ti garantisca prestazioni, confort, ma anche tanta sicurezza. Il pneumatico e’ un componente fondamentale che va scelto con cura.

 

Pur assomigliandosi tutti, i pneumatici rivelano infatti fondamentali differenze nei contenuti tecnologici dovute ai materiali, all’esperienza dei produttori, ai diversi processi produttivi, aspetti che rendono alcuni prodotti davvero molto migliori di altri.